Menu | Contenuto |



Header

News & Views

Liturgia del restauro. L'opinione di Bonsanti


Un'intera pagina sul Giornale dell'arte


Il Giornale dell'arte nel numero unificato di luglio e agosto 2008 ha dedicato l'intera pagina della rubrica "Aperto per restauro" alla giornata di studio internazionale promossa dal Kunsthistorisches Institut Max-Planck-Institut, dall'Opificio delle Pietre Dure, dall'Università di Genova e da Patrimonio di Oreficeria adriatica che il 5 e 6 giugno ha riunito diversi studiosi nel salone della Magliabegliana degli Uffizi per discutere, in prospettiva interconfessionale, degli oggetti liturgici tra culto e musealizzazione.

Giorgio Bonsanti, professore di Storia e tecniche del restauro all'Università di Firenze, nel suggestivo titolo del suo contributo ha evidenziato accanto al valore materico dell'oggetto, anche tutto il mondo che, inevitabilmente ci sta dietro. In questo senso è importante sapere altresì in quale contesto il manufatto restaurato si andrà a collocare (il luogo della musealizzazione o il rinnovato utilizzo) per poter impostare parametri corretti relativi alla sua qualificazione.

Interessante anche una considerazione relativa al valore ancipite dell'oggetto in rapporto ai differenti fruitori, per cui le icone di un museo potranno essere icone di un museo o divenire segni di culto ove, ai loro piedi, si vedranno deporre fiori e candele come accade in molti paesi.

Per visionare gli articoli collegati clicca sopra ogni titolo:

Patrimonio liturgico: arte, culto musealizzazione.
Convegno internazionale di studio

Patrimonio liturgico: arte, culto musealizzazione.
Un primo dialogo aperto a future esperienze conoscitive


1626 visualizzazioni