Menu | Contenuto |



Header

Eventi

La pietra e il leone. San Pietro e san Marco nell’Oriente cristiano


Una mostra e un convegno internazionale per il dialogo tra culture


Dal 5 giugno al 10 ottobre 2010 /  Vicenza / Gallerie di Palazzo Leoni Montanari 

Una rara mostra dossier, su un tema particolarmente suggestivo, alla scoperta della più importante collezione di icone russe in Occidente, ed una delle più importanti al di fuori della Russia custodita nelle Gallerie di Palazzo Leoni Montanari a Vicenza.

L'evento - in occasione della pubblicazione del volume San Pietro e San Marco Arte e iconografia in area adriatica, a cura di Letizia Caselli, promosso dal Comitato Nazionale per i 500 anni della Basilica di San Pietro -  sarà inaugurato il 5 giugno preceduto da un convegno internazionale al quale parteciperanno Letizia Caselli (Università Iuav di Venezia), Ennio Concina (Università Ca' Foscari di Venezia), Engelina Smirnova (Università di Mosca) e Michele Bacci (Università di Siena).

Parallelamente il Museo diocesano vicentino propone un incontro di studio scritturale e una mostra dossier che presenta al pubblico alcuni rari tesori d'arte legati invece alla tradizione latina, tra essi una Bibbia poliglotta stampata a Londra nel 1655 con caratteri in lingua greca, latina, siriaca, araba, etiopica e persiana e un'altra in volgare stampata a Venezia nel 1553.

L'esposizione delle Gallerie - dodici preziose tavole - è quella riservata alle icone che hanno per soggetti i santi Pietro e Marco, personaggi che nell'iconografia dell'Oriente cristiano sono rarissimi, al contrario di quanto avviene nella Cristianità occidentale.
Nel mondo ortodosso, Pietro e Marco, anche quando raramente vengono raffigurati, lo fanno da comparse o da comprimari.
Assenze, o carenze, riconducibili alla storia della Chiesa d'Oriente, al suo distacco dalla Chiesa di Roma di cui il primo, Pietro, fu il fondatore e il secondo, Marco, il discepolo e l'interprete privilegiato del primo. Ben diverso è ruolo e la preminenza di queste due figure in tutto l'Occidente cristiano e, per quanto riguarda in particolare Marco, nelle due sponde dell'Adriatico, il mare veneziano.

Anche se nelle tradizioni figurative bizantina e russa i due personaggi figurano come presenze molto discrete, la loro immagine compare in posizione di rilievo in un gran numero di composizioni a tema sia narrativo che iconico e allegorico. Se san Marco è frequentemente raffigurato sulle porte regali delle iconostasi assieme agli altri evangelisti e più occasionalmente nelle icone dell'ordine della Deesis, una funzione di primo piano gli è attribuita in soggetti di più denso contenuto teologico come la Madre di Dio del roveto ardente o I frutti della Passione di Cristo. Pietro è una presenza imprescindibile in tutta una serie di raffigurazioni di eventi evangelici e svolge un ruolo preminente, in particolare, nella scena della Trasfigurazione, in cui compare come spettatore privilegiato della rivelazione della divinità di Cristo, nella Lavanda dei piedi, dove occupa generalmente il centro della composizione, e nella rappresentazione di Pietro al sepolcro vuoto, in cui il principe degli apostoli è esaltato come primo testimone della Resurrezione, nonché nell'Apparizione sul lago di Tiberiade, dove svolge il ruolo di principale destinatario dell'evento sovrannaturale.

La mostra, a cura di Michele Bacci, rientra nella rassegna "La migrazione delle immagini. Oriente occidente", che ha ricevuto il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e l'importante Premio di rappresentanza dalla Presidenza della Repubblica.

La pietra e il leone. San Pietro e san Marco nell'oriente cristiano.
Icone dalla collezione Intesa Sanpaolo

Dal 5 giugno al 10 ottobre  2010
Info:  numero verde 800 578875, fax 0444 991280
Vicenza, Gallerie di Palazzo Leoni Montanari
Contrà Santa Corona, 25

e-mail: beniculturali@intesasanpaolo.com
Web: www.palazzomontanari.com
Orari: 10.00-18.00
(lunedì chiuso)

Programma degli incontri di studio gratuiti, per iscriverti clicca qui

Per visionare il depliant della mostra


4243 visualizzazioni