Menu | Contenuto |



Header

News & Views

Saverio Cavalli


Pittore astrattista, maestro orafo, esteta dell'objet trouvé


Sino al 30 giugno 2009 / Valenza / Scuola Orafa Vincenzo Melchiorre For.Al

Più di cinquanta gioielli e quasi novanta disegni sono riuniti nella mostra "Saverio Cavalli. Visioni e numeri", allestita nella Scuola orafa di Valenza.

Nato a Valenza nel 1922, Saverio Cavalli è uno dei più significativi artisti orafi italiani del XX che passa nel sacro fuoco di pittura, scultura e oreficeria. Formatosi nell'alveo della tradizione orafa valenzana, fin dalle prime opere degli anni Cinquanta, presentate alla Triennali di Milano, propone una visione astrattista del gioiello legata alla ricerca delle più elaborate tecniche orafe come granulazione e smalto. Negli anni Sessanta opta per un'impostazione strutturale e si accentua in lui il bisogno di una maggiore estensione formale, declinata con materiali poveri quali il legno, il vetro, le pietre dure.

Questo desiderio di libertà espressiva lo induce negli anni Settanta ad abbandonare totalmente "l'aspetto prezioso" a favore di una libera sperimentazione di forme pure applicate all'ornamento corporeo (celebre il suo omaggio a Lucio Fontane nella serie di anelli con tagli). La sua ricerca del bello via via si destruttura sperimentando la plastica e, a partire dagli anni '90, i materiali poveri e riciclati (frammenti di stoffa, di ossa, grani di sabbia);  ancora oggi nel segno di una poetica armonicamente sublimata, non senza ironia, dal caso e dal caos.

Il Quaderno di Studi n. 3, dedicato all'artista valenzano, è curato da Lia Lenti e si colloca nelle attività di valorizzazione e di approfondimento didattico  del Centro di Documentazione sull'Oreficeria "Ezio Deambrogi", ubicato nella Scuola di Oreficeria Vincenzo Melchiorre.

Saverio Cavalli. Visioni e numeri
Sino al 30 giugno 2009
Valenza, Scuola Orafa Vincenzo Melchiorre For.Al
Info: tel. 0131 952743 fax 0131924395
E-mail: piercarla.cattaneo@foral.org; isabella.miozzo@foral.org
Orari: lun.-giov. 9-30-12-30 e 14-30-16-30
(Ingresso gratuito)

Prenotazioni visite per gruppi e scolaresche: For.Al,  tel. 0131 952743


3462 visualizzazioni